Come se volassimo via

Sethus Calvisius (Seth Kalwitz; 1556 - 24 novembre 1615): Unser Leben währet siebzig Jahr, mottetto a 8 voci; testo: Salmo LXXXIX (90), versetto 10. Gesine Adler, soprano; Vocalconsort Leipzig, dir. Gregor Meyer; Ensemble NOEMA.

Unser Leben währet siebzig Jahr’,
und wenn es hoch kommt, so sind’s achtzig Jahr’;
und wenn es köstlich gewesen ist,
so ist es Müh’ und Arbeit gewesen;
denn es fähret schnell dahin,
als flögen wir davon.

Calvisius, Unser Leben

Pubblicità

Dal Livre d’orgue di Pierre Du Mage

Pierre Du Mage (o Dumage; 23 novembre 1674 - 1751): Suite du 1er ton (dal Livre d’orgue, 1708). Emmanuel Arakélian all’organo Isnard (1774) della Basilique Sainte-Marie-Madeleine in Saint-Maximin-la-Sainte-Baume (Var, Francia).

  1. Plein Jeu [1:18]
  2. Fugue [3:42]
  3. Trio [5:50]
  4. Tierce en taille [8:09]
  5. Basse de trompette [11:18]
  6. Récit [13:52]
  7. Duo [16:30]
  8. Grand Jeu [18:51]

Per crucem et sanguinem

Thomas Tallis (c1505 - 23 novembre 1585): Salvator mundi, mottetto a 5 voci (pub­bli­cato in Cantiones quae ab argumento sacrae vocantur, 1575, n. 1). The Sixteen, dir. Harry Christophers.

Salvator mundi, salva nos,
qui per crucem et sanguinem redemisti nos,
auxiliare nobis te deprecamur, Deus noster.

Turn thy face from my sins

Thomas Attwood (23 novembre 1765 - 1838): Turn thy face from my sins (Salmo LI, versetti 11-13). St. John’s College Choir (solista: Iestyn Davies).

Turn thy face from my sins, and put out all my misdeeds.
Make me a clean heart, O God, and renew a right spirit within me.
Cast me not away from thy presence, and take not thy Holy Spirit from me.

Serenata – XI

Benjamin Britten (22 novembre 1913 - 1976): Serenade per tenore, corno e archi op. 31 (1943). Peter Pears, tenore; Dennis Brain, corno; BBC Symphony Orchestra, direttore John Hollingsworth.

  1. Prologue (assolo del corno)
  2. Pastoral [1:19]

    testo di Charles Cotton (1630-1687): quattro strofe da The Evening Quatrains

    The day’s grown old; the fainting sun
    Has but a little way to run,
    And yet his steeds, with all his skill,
    Scarce lug the chariot down the hill.

    The shadows now so long do grow,
    That brambles like tall cedars show;
    Mole hills seem mountains, and the ant
    Appears a monstrous elephant.

    A very little, little flock
    Shades thrice the ground that it would stock;
    Whilst the small stripling following them
    Appears a mighty Polypheme.

    And now on benches all are sat,
    In the cool air to sit and chat,
    Till Phoebus, dipping in the west,
    Shall lead the world the way to rest.


  3. Nocturne [5:16]

    testo di Alfred Tennyson (1809-1892): Blow, bugle, blow

    The splendour falls on castle walls
    And snowy summits old in story:
    The long light shakes across the lakes,
    And the wild cataract leaps in glory:
      Blow, bugle, blow, set the wild echoes flying,
      Bugle blow; answer, echoes, dying, dying, dying.

    O hark, O hear! how thin and clear,
    And thinner, clearer, farther going!
    O sweet and far from cliff and scar
    The horns of Elfland faintly blowing!
      Blow, let us hear the purple glens replying:
      Blow, bugle; answer, echoes, dying, dying, dying.

    O love, they die in yon rich sky,
    They faint on hill or field or river:
    Our echoes roll from soul to soul,
    And grow for ever and for ever.
      Blow, bugle, blow, set the wild echoes flying,
      And answer, echoes, answer, dying, dying, dying.


  4. Elegy [8:50]

    testo di William Blake (1757-1827): The Sick Rose)

    O Rose, thou art sick!
    The invisible worm,
    That flies in the night
    In the howling storm,
    Has found out thy bed
    Of crimson joy:
    And his dark, secret love
    Does thy life destroy.


  5. Dirge [13:43]

    testo di autore anonimo del secolo XV, noto come Lyke-Wake Dirge

    This ae nighte, this ae nighte,
    Every nighte and alle,
    Fire and fleet and candle‑lighte,
    And Christe receive thy saule.

    When thou from hence away art past,
    Every nighte and alle,
    To Whinny‑muir thou com’st at last;
    And Christe receive thy saule.

    If ever thou gavest hosen and shoon,
    Every nighte and alle,
    Sit thee down and put them on;
    And Christe receive thy saule.

    If hosen and shoon thou ne’er gav’st nane
    Every nighte and alle,
    The whinnes sall prick thee to the bare bane;
    And Christe receive thy saule.

    From Whinny‑muir when thou may’st pass,
    Every nighte and alle,
    To Brig o’ Dread thou com’st at last;
    And Christe receive thy saule.

    From Brig o’ Dread when thou may’st pass,
    Every nighte and alle,
    To Purgatory fire thou com’st at last;
    And Christe receive thy saule.

    If ever thou gavest meat or drink,
    Every nighte and alle,
    The fire sall never make thee shrink;
    And Christe receive thy saule.

    If meat or drink thou ne’er gav’st nane,
    Every nighte and alle,
    The fire will burn thee to the bare bane;
    And Christe receive thy saule.

    This ae nighte, this ae nighte,
    Every nighte and alle,
    Fire and fleet and candle‑lighte,
    And Christe receive thy saule.


  6. Hymn [17:42]

    testo di Ben Jonson (1572-1637): Hymn to Diana (dalla commedia satirica Cynthia’s Revels, or The Fountain of Self-Love, 1600)

    Queen and huntress, chaste and fair,
    Now the sun is laid to sleep,
    Seated in thy silver chair,
    State in wonted manner keep:
    Hesperus entreats thy light,
    Goddess excellently bright.

    Earth, let not thy envious shade
    Dare itself to interpose;
    Cynthia’s shining orb was made
    Heav’n to clear when day did close:
    Bless us then with wishèd sight,
    Goddess excellently bright.

    Lay thy bow of pearl apart,
    And thy crystal shining quiver;
    Give unto the flying hart
    Space to breathe, how short so-ever:
    Thou that mak’st a day of night,
    Goddess excellently bright.


  7. Sonnet [19:42]

    testo di John Keats (1795-1821): To Sleep

    O soft embalmer of the still midnight,
    Shutting, with careful fingers and benign,
    Our gloom‑pleas’d eyes, embower’d from the light,
    Enshaded in forgetfulness divine:

    O soothest Sleep! if so it please thee, close,
    In midst of this thine hymn my willing eyes.
    Or wait the «Amen» ere thy poppy throws
    Around my bed its lulling charities.

    Then save me, or the passèd day will shine
    Upon my pillow, breeding many woes,
    Save me from curious conscience, that still lords

    Its strength for darkness, burrowing like a mole;
    Turn the key deftly in the oilèd wards,
    And seal the hushèd casket of my Soul.

  8. Epilogue (replica del Prologue eseguita dietro le quinte)

 

Concertino – X

Heinrich Joseph Baermann (1784 - 1847): Concertino in do minore per clarinetto e orchestra op. 29 (1818); strumentazione di Peter Joseph von Lindpaintner (1791 - 1856). Dieter Klöcker, clarinetto; Pražský komorní orchestr, dir. Milan Lajčík.

  1. Allegro
  2. Adagio [8:55]
  3. Rondò: Allegretto vivo [13:57]

Canarios: Sanz & Rodrigo

Gaspar Sanz (alias Francisco Bartolomé Sanz Celma, 1640 - 1710): Canarios (da Instrucción de música sobre la guitarra española, vol. I, Saragozza 1674). Diogo Rodrigues, chitarra barocca.


Joaquín Rodrigo (22 novembre 1901 - 1999): Fantasia para un gentilhombre (1954): IV. Canario (rielaborazione del brano di Sanz). John Williams, chitarra; English Chamber Orchestra, dir. sir Charles Groves.

Sanz, Canarios

Canarios: Muffat & Purcell

Georg Muffat (1653 - 1704): Impatientia, suite in si bemolle maggiore per orchestra (da Florilegium secundum, 1698, Fasciculus I, n. 4). Orchestra da camera della Società filarmonica di Budapest, dir. Tamás Sulyok.

  1. Symphonie
  2. Balet
  3. Canaries
  4. Gigue
  5. Sarabande
  6. Bourrée
  7. Chaconne

Henry Purcell (1659 - 21 novembre 1695): «Canaries», dal V e ultimo atto della semi-opera tragicomica The Prophetess, or The History of Dioclesian (1695). Tafelmusik, dir. Jeanne Lamon.

Giornata nazionale degli alberi

Il 21 novembre si celebra la Giornata nazionale degli alberi: contribuisco pubblicando alcuni scatti personali.
Cliccate su una foto per vederla ingrandita e per scorrere la galleria.

Fidelio & Leonore

Ludwig van Beethoven (1770 - 1827): Fidelio, ouverture in mi maggiore per la 3ª e defi­ni­tiva versione (1814) dell’opera omonima. Wiener Philharmoniker, dir. Claudio Abbado.

Fidelio in una figurina del cioccolato

L’unica opera di Beethoven fu originariamente composta su un libretto che Joseph Sonnleithner aveva ricavato da un dramma di Jean-Nicolas Bouilly, Léonore, ou L’amour conjugal, andato in scena nel 1798 con parti cantate scritte da Pierre Gaveaux, il quale nella prima rap­pre­sen­ta­zione aveva soste­nuto il ruolo del protagonista ma­schile, Florestan.
L’opera beethoveniana ebbe una gestazione tra­va­glia­tis­si­ma: iniziata nel 1803, la composizione si trascinò, fra dubbi, pause e ripensamenti, fino al 1805. Fu rap­pre­sen­tata a Vienna, con il titolo Leonore oder Die eheliche Liebe (Leonore ovvero L’amor coniugale, op. 72), il 20 novembre di quell’anno al Theater an der Wien. Un insuccesso. I cantanti non erano dei mi­gliori, l’opera era troppo lunga (3 atti) e il pubblico era costituito perlopiù da ufficiali francesi – la capitale asbur­gica era allora occupata dalle truppe napoleoniche – che non capivano il tedesco.
Nei mesi successivi Beethoven decise di sottoporre il la­voro a una profonda revisione, affidandosi per il libretto all’amico Stephan von Breuning. La nuova versione in 2 atti fu allestita, con il titolo Leonore (op. 72a), il 29 marzo 1806 nel medesimo teatro, e neanche questa volta ebbe successo. Otto anni dopo Beethoven tornò a ri­ma­neg­gia­re l’opera su richiesta del sovrintendente del Kärnthner­thor-Theater (Teatro di Porta Carinzia), dove andò in scena il 23 maggio 1814 con il titolo Fidelio (op. 72b) e libretto riscritto da Georg Friedrich Treitschke. Questa è la versione che si impose definitivamente.

Della faticosa gestazione del Fidelio sono testimonianza anche le quattro ouvertures che Beethoven scrisse per l’opera: una per la prima versione (nota anche come Leonore 2), una per la seconda (Leonore 3), una per una rappresentazione praghese mai realizzata (op. 138, detta Leonore 1), e infine quella del 1814. Delle Leonore, la più bella è senza dubbio la n. 3, un vero capolavoro che qui possiamo ascoltare eseguita dagli stessi interpreti di cui sopra:
 

Protagonista del Fidelio è appunto Leonore, una donna coraggiosa e determinata, assai più di tutti i comprimari messi insieme. La vicenda si svolge in Spagna, presso Siviglia, nel XVII secolo. — ATTO I. Florestan, marito di Leonore, è stato ingiustamente imprigionato per ordine del crudele Pizarro, governatore della prigione di Siviglia, suo nemico giurato. Per entrare nella prigione, dove Florestan è rinchiuso ormai da due anni, e tentare di aiutarlo, Leonore si traveste da uomo, assume il nome di Fidelio e si fa assoldare quale inserviente dal carceriere Rocco, un uomo di buon cuore che ha una figlia, Marzelline. Tutto questo è l’antefatto: la prima scena si svolge nel cortile della prigione, davanti all’abitazione di Rocco e Marzelline; quest’ultima è corteggiata da Jaquino, un dipendente del padre, ma è segretamente innamorata di Fidelio; Jaquino cerca di farsi benvolere da Marzelline, ma la giovane lo respinge. Giungono Fidelio e Rocco; il carceriere ha intuito quali siano i sentimenti della figlia e medita di darla in sposa a Fidelio. Consapevole di aver suscitato la simpatia di Rocco, Fidelio gli chiede di poter scendere con lui nei sotterranei: sa infatti che vi è rinchiuso un prigioniero importante e spera che questi sia Florestan. Intanto Pizarro viene a sapere che il ministro Don Fernando, sospettando irregolarità nella gestione del carcere, intende compiervi un’ispezione; Pizarro teme che Don Fernando scopra la prigionia di Florestan, amico carissimo del ministro, e decide di sopprimere il proprio nemico: comunica perciò a Rocco che il re ha condannato a morte Florestan e offre una borsa piena di monete d’oro al carceriere se ucciderà egli stesso il prigioniero. Rocco non ha cuore di accettare, tuttavia non può rifiutare di eseguire gli ordini del governatore: dovrà dunque procurare sepoltura al condannato, e in questo si farà aiutare da Fidelio. Più tardi, quando Fidelio e Marzelline gli chiedono di lasciare uscire dalle celle per breve tempo i prigionieri, Rocco accondiscende. Ma sopraggiunge Pizarro, che vedendo i carcerati in libertà va su tutte le furie; Rocco riesce a chetarlo, ricordandogli l’ordine che ha ricevuto e che sta per eseguire. I prigionieri, fra i quali non v’è Florestan, devono però ritornare in cella.

Fidelio in una figurina dell’estratto di carne

ATTO II. Florestan è incatenato in una cella sot­ter­ranea; sfinito, nel delirio crede di vedere Leonore e di poter fuggire con lei in un regno di libertà e felicità. Rocco scende nel sot­ter­ra­neo per svuotare una ci­ster­na in cui conta di gettare il corpo del condannato; il carceriere è ac­com­pa­gnato da Fidelio/Leonore, che vede il marito, gli si avvicina e lo riconosce. So­spet­tava già che il pri­gioniero da sop­pri­mere fosse Florestan, e ora ne ha la conferma. In quel momento giunge Pizarro, deciso a uccidere con le proprie mani Florestan, ma Leonore si rivela e fa scudo al marito con il proprio corpo, poi minaccia il governatore con una pistola. Uno squillo di tromba annuncia l’arrivo di Don Fernando: Pizarro non ha scampo. Rocco rivela le trame del governatore al ministro, che fa uscire dalle celle i prigionieri e consegna solennemente a Leonore le chiavi con cui la donna stessa ridà la libertà a Florestan.

Concerto per flauto – IV

Johan Helmich Roman (1694 - 20 novembre 1758): Concerto in sol maggiore per flauto e orchestra BeRi 54. Lisa Beznosiuk, flauto; Orchestra of the Age of Enlightenment, dir. Anthony Halstead.

  1. Non troppo Allegro
  2. Larghetto (Siciliano) [3:36]
  3. Allegro [5:51]

Čajkovskij: Le Stagioni – 11


Pëtr Il’ič Čajkovskij (1840 - 1893): Времена года / Les Saisons op. 37a (1875-76), 11. Ноябрь: На тройке / Novembre: Troïka. Versione originale: Valentyna Lysycja, pianoforte. Trascrizione per orchestra di Aleksandr Gauk (1893 - 1963): Orchestra da camera di Mosca, dir. Constantine Orbelian.
Questa composizione fu pubblicata nel 1876, sul numero di novembre del periodico sanpietroburghese «Нувеллист» (Nuvellist), associata a versi di N. A. Nekrasov:

Не гляди же с тоской на дорогу,
И за тройкой вослед не спеши,
И тоскливую в сердце тревогу
Поскорей навсегда затуши.
Non guardare la strada con malinconia,
non aver fretta di recuperare il ritardo con la trojka,
e cancella per sempre la tristezza
che brucia nel tuo cuore.

Dedicata a Brahms

Albert Dietrich (1829 - 20 novembre 1908): Sinfonia in re minore op. 20 (1869), dedicata a Johannes Brahms. Olden­bur­gi­sches Staats­orche­ster, dir. Alexander Rumpf.

  1. Allegro
  2. Andante con molto di moto, quasi allegretto [13:07]
  3. Scherzo: Allegro energico [22:20]
  4. Finale: Allegro [32:40]