Canzona passaggiata

Angelo Notari (14 gennaio 1566 - 1663): Canzona passaggiata (ossia ornata con vari abbellimenti: trilli, mordenti, scale eccetera), dal manoscritto Add. 31440 della British Library di Londra. Arion Consort: Sergio Portilla Arriola, flauto dolce soprano; Maria Eugenia Codina, viola da gamba; Yana Piachonkina, clavicembalo.

Pubblicità

¡Ay!

Juan García de Zéspedes (c1619 - 1678): Ay que me abraso, villancico-guaracha. Caranzalem: Pilar Almalé, canto e viola da gamba; Elena Escartín, canto e flauto dolce; Paula Brieba, chitarra barocca.

Ay que me abraso, ay,
divino Dueño, ay,
en la hermosura, ay,
de tus ojuelos, ay.

Ay cómo llueven, ay,
ciento luçeros, ay,
rayos de gloria, ay,
rayos de fuego, ay.

En la guaracha, ay,
le festinemos, ay,
mientras el niño, ay,
se rinde al sueño, ay.

Toquen y baylen, ay,
porque tenemos, ay,
fuego en la nieve, ay,
nieve en el fuego, ay.

Ay, que me abraso, ay,
divino Dueño, ay,
en la hermosura, ay,
de tus ojuelos, ay.

Con citazione di Canarios di Gaspar Sanz 🙂


Buon Natale, ay!

Concerto per viola da gamba

Johann Gottlieb Graun (28 ottobre 1703 - 27 ottobre 1771): Concerto in la maggiore per viola da gamba e archi. Vittorio Ghielmi, viola da gamba; Wiener Akademie, dir. Martin Haselböck.

    I. Allegretto
   II. Adagio
  III. Allegro

Elegia per Philip Sidney

William Byrd (c1540 - 1623): Come to me, grief, for ever a 5 voci (pubblicato in Psalms, sonnets, and songs of sadness and piety to five parts, 1588, n. 34). Versione per canto e consort di viole: Emily van Evera, soprano; The Musicians of Swanne Alley.

Come to me, grief, for ever,
Come to me tears day and night,
Come to me plaint, ah helpless,
Just grief, heart tears, plaint worthy.

Go from me dread to die now
Go from me care to live more,
Go from me joys all on earth,
Sidney, O Sidney is dead.

He whom the Court adorned,
He whom the country courtesied,
He who made happy his friends,
He that did good to all men.

Sidney, the hope of lands strange,
Sidney, the flower of England,
Sidney, the spirit heroic,
Sidney id dead, O dead.

Dead? no, no, but renowed
With the anointed one,
Honour on earth at his feet,
Bliss everlasting his seat.

Come to grief for ever
Come to me tears day and night,
Come to me plaint, ah helpless,
Just grief, heart tears, plaint worthy.

Avevamo già incontrato sir Philip Sidney (1554 - 17 ottobre 1586), una delle menti più brillanti dell’Inghilterra elisabettiana, ricordando la sua storia d’amore con Penelope Devereux e ascoltando le tre composizioni su altrettante sue poesie (tratte da Astrophel and Stella) pubblicate nell’antologia A Musicall Banquet (1610) curata da Robert Dowland. Per altre informazioni su Sidney vi rimando all’interessantissimo blog di Luisa Zambrotta.


George Knapton (1698 - 1778): ritratto di sir Philip Sidney, da Isaac Oliver

Con furto gentile

Settimia Caccini (6 ottobre 1591 - c1660): Due luci ridenti per voce e basso continuo. Ensemble Laus Concentus: Lavinia Bertotti, soprano; Massimo Lonardi, liuto; Maurizio Piantelli, tiorba; Maurizio Less, viola da gamba.

Due luci ridenti
Con guardo sereno
Di dolci tormenti
M’ingombrano il seno.

Ma lampi d’amore
Rapiscono al core
Con furto gentile
La libertà.

Pur lieto vivrà:
Quest’alma, cantando,
T’adora penando,
Celeste beltà.

Due labbra di rose
Con dolci rossori
Le faci amorose
Promettono ai cori.

Ma in quel bel sereno
S’annida il veleno
Che uccide dell’alme
La libertà.

Lavinia Bertotti (1957 - 2016)

La Cecchina

Francesca Caccini, detta La Cecchina (18 settembre 1587 - 1640): Non so se quel sorriso, canzonetta, dal Primo Libro delle musiche a una e due voci (1618). Shannon Mercer, soprano; Luc Beauséjour, clavicembalo; Sylvain Bergeron, tiorba; Amanda Keesmaat, violoncello.

Non so se quel sorriso
mi schernisce o m’affida,
se quel mirarmi fiso
m’alletta o mi diffida.
Gia schernito e deriso
da bella donna infida
non vorrei più che’l core
fosse strazio d’amore.

Non vo’ più per dolcezza
d’immaginato bene
nutrirmi d’amarezza
vivendo sempre in pene,
né per nuova bellezza
portar i lacci e catene,
né gravar l’alma ancella
di inferma novella.

Se tu vuoi ch’io t’adori,
d’amor stella gentile,
ti canti, e ch’io t’onori
su la mia cetra docile,
a più degni tesori
a guiderdon non vile
chiama l’avida speme
che spregiata già teme.

Soffrir’io più non voglio
la ferita crudele
d’un cor cinto d’orgoglio,
d’un anima infedele,
né tra scoglio né tra scoglio
affidar più le vele
della mia libertate
senza certa pietate.


Francesca Caccini: Ciaccona. Luigi Cozzolino, violino; Andrea Benucci, chitarra; Alfonso Fedi, clavicembalo; Francesco Tomei, viola da gamba.

La Soave Melodia e la sua Corrente

Andrea Falconiero o Falconieri (c1585 - 29 luglio 1656): La Suave Melodia e Su Corrente, dal I Libro di canzone, sinfonie, fantasie… (1650). La Musa Armonica: Lina Manrique, viola da gamba; Parsival Castro, tiorba; Diogo Rodrigues, chitarra barocca.

Forqueray, Couperin & Duphly

« J’aime beaucoup mieux ce qui me touche que ce qui me surprend » (François Couperin le Grand).


Antoine Forqueray (1672 - 1745): La Couperin, n. 6 della Suite in re minore per viola da gamba e continuo (Pièces de viole, pubblicate postume dal figlio Jean-Baptiste nel 1747). Il Giardino Armonico: Vittorio Ghielmi, viola da gamba; Luca Pianca, liuto attiorbato.


François Couperin le Grand (1668 - 1733): La superbe, ou La Forqueray, n. 1 dell’Ordre XVII (Pièces de clavecin III, 1722). Gustav Leonhardt, clavicembalo.


Jacques Duphly (1715 - 15 luglio 1789): La Forqueray, rondeau in fa minore (dal Troisième Livre de Pièces de Clavecin, 1756). Gustav Leonhardt, clavicembalo.

Erme campagne, abbandonati orrori

 
Claudio Saracini detto il Palusi (1º luglio 1586 - 1630): Da te parto, cor mio, aria a 1 voce e basso continuo (pubblicata nella raccolta Le seconde musiche, 1620, n. 7). Nigel Rogers, tenore; Colin Tilney, clavicembalo; Jordi Savall, viola da gamba.

Da te parto, cor mio.
Io vado, anima mia.
Peregrin sconosciuto
d’ignoti lidi ad habitar l’arene,
erme campagne, abbandonati horrori
saran delle mie pene de miei passati ardori!
Dell’idol mio perduto
ecco misera e flebil’e dolente
del mio duol dal mio ardir memori ardente.

Maestosamente

Antoine Forqueray (1672 - 28 giugno 1745): Suite in do minore per viola da gamba e basso continuo, n. 5 della raccolta di Pièces de viole pubblicata postuma dal figlio Jean-Baptiste nel 1747. Sigiswald Kuijken, viola da gamba principale; Wieland Kuijken (viola da gamba) e Gustav Leonhardt (clavicembalo), basso continuo.

  1. La Rameau: Majestueusement
  2. La Guignon: Vivement et détaché
  3. La Léon, sarabande: Tendrement
  4. La Boisson: Vivement, les pincés bien soutenûs
  5. La Montigni: Galamment sans lenteur
  6. La Sylva: Très tendrement
  7. Jupiter: Modérément

Sonata a quattro

Johann Gottlieb Janitsch (19 giugno 1708 - 1763): Sonata in la maggiore per violino, viola da gamba, violoncello e basso continuo (un tempo erroneamente attribuita a Christoph Schaffrath, 1709 - 1763). Amandine Beyer, violino; Guido Balestracci, viola da gamba; Martin Zeller, violoncello; Massimilano Raschietti, clavicembalo.

  1. Adagio
  2. Allegretto [2:26]
  3. Allegro [8:44]

falso Schaffrath

O primavera

Giaches de Wert (c1535 - 6 maggio 1596): O primavera, gioventù de l’anno, madrigale a 5 voci (dall’Undecimo libro de madrigali a cinque voci, 1595, n. 2) su testo di Battista Guarini (Il pastor fido, atto III), parte 1a. Francesca Benetti, tiorba e direzione; Tanja Vogrin, arpa; Giovanna Baviera, viola da gamba; Rui Staehelin, liuto; Ricardo Leitão Pedro, chitarra barocca.

O primavera, gioventù de l’anno,
Bella madre de’ fiori,
D’herbe novelle e di novelli amori,
Tu torni ben, ma teco
Non tornano i sereni
E fortunati dì de le mie gioie;
Tu torni ben, tu torni,
Ma teco altro non torna
Che del perduto mio caro tesoro
La rimembranza misera, e dolente.
Tu quella se’, tu quella
Ch’eri pur dianzi sì vezzosa e bella;
Ma non son io già quel ch’un tempo fui
Sì caro à gli occhi altrui.